S/H

E’ giunto il Momento di portare tutto quell’Odio in Campagna e sepellirlo vicino al vostro Trapassato Gatto ormai profanato dai Vermi

Posted in Senza categoria by sarah on agosto 25, 2009

Ho un desiderio: NON VOGLIO SENTIR PARLARE MAI PIU’-NESSUNO DI CARLO PASTORE. No, seriamente, sono colma, il prossimo che me lo nomina prendendolo in giro riceverà lo sguardo che già dedico a chi cita Fight Club.

Per un po’ è stato divertente, da una parte c’era lui che andava in tivù con le ragazzine che lo imploravano di prendersi la loro verginità, e dall’altra c’eravamo noi seduti sul divano con una mappa del centro di Milano e la nostra documentazione fotografica dei punti strategici di Piazza Duomo che ci avrebbero permesso di rimanere nascosti mentre lo uccidavamo in diretta lanciandogli un mixtape contenente Amari, Ex Otago, Architecture in Helsinki, Yuppie Flu, Artic Monkeys, Giardini di Mirò e Death Cab for Cutie, e un colpo di pistola. Ci sentivamo uniti, e cattivi, ma cattivi sagaci, quindi gran fighi.

Quei tempi però sono passati, e sinceramente è venuto il momento di evolverci anche noi, che uqesto gioco è diventato stantio.

L’ho capito solo oggi quando, leggendo le Malvestite, non mi sono ritrovata incattivita e divertita per il contenuto del post, ma infastidita dal fatto che ne satvamo – cazzo – ancora prlando. Il punto è che ormai lo sberleffo è retorico, troppo facile, troppo superato, e per quanto uno lo porti avanti in maniera brillante, le cose son sempre quelle, MTV è sempre quella dei ggggiovani con quattro g, Pastore è sempre quello del Do It Yourself e siine orgoglioso anche se fai schifo, quel giro lì fa sempre lo stesso odore acre della palestra di un ITIS, e noi tutte queste cose già le abbiamo demolite una, due, tre, quindicimila volte, sempre consapevoli del fatto che l’unica soluzione definitiva a questo foruncolo della società sarebbe trasferirsi in Burkina Faso.

Quindi cosa ci rimane? Deridere l’ennesima trovata della rete per mostrarsi “a contatto col suo pubblico”? Ma si deride da sè, e non mi sembra neanche giusto attaccare così tutta la cricca di VJ che, fra un pompino anoressico e l’altro, dovrà già fare i conti con la propria coscienza, che come tutte le coscienze probabilmente mal tollera il fatto di procurarsi da vivere accostando la propria immagine a iniziative adolescenziali ridicole, simili al training sul proprio self di un life-coach texano sotto coca.

Dio, buttiamoci su Renzo Rosso piuttosto, ricordo un’intervista a Vanity Fair di un annetto fa che sembrava fatta a posta per una sollazzevole gogna virtuale.

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. uelbec said, on agosto 25, 2009 at 7:51 pm

    Cazzo, che bel blog.
    1985? Hai poco più di vent’anni? E che diavolo. Non lo sopporto, non mi ci abituo. Succede tutte le volte. Uffa uffa uffa!
    Perché di gente che scrive bene e pensa bene (ed è anche giovane!) ce n’è così maledettamente tanta, in giro, che però non che la incontri per strada o nei posti che frequenti di solito, no, ma ci capiti per errore su un blog, così sei per forza costretto a fantasticare sulla deduzione arbitraria ma irresistibile che oltre a una scrittura brillante e a una mente creativa, l’autore del blog abbia anche una vita fica, felice, soddisfacente, stimolante e degna. Non come te, che hai trent’anni e sei incappato in una fase Revolutionary Road nella quale sei probabilmente destinato a rimanere abbastanza a lungo da non fare a tempo a combinare nulla di vendibilmente borghese né nulla di dignitosamente alternativo e abbastanza a lungo da dimenticarti del tutto che queste dicotomie sono assolutamente idiote.
    Commiserazione e mestizia all’ingrosso.

  2. sarah said, on agosto 26, 2009 at 11:19 am

    hai appena spostato la mia soglia del suicidio dai 39 ai 29 anni. E poi una cosa: di gente giovane e brillante che pensa bene in giro ce n’è poca, pochissssssima, e quelli che ci sono – a parte me – sono tutti maschi. E se ci sono delle femmine sono tutte più vecchie e più brutte di me. Molto infantile e pco realistico, mi rendo conto, ma che ci vuoi fare…
    Sui trentenni, gli esempi che ho intorno sono abbastanza svilenti, anzi disperatamente svilenti, quindi taccio
    Per quanto mi riguarda seguo l’esempio di Marcy Runkle, se quello che sai fare è strappare peli dalle vagine, fai quello e poche stronzate.

  3. bebo said, on agosto 26, 2009 at 1:48 pm

    Però quel post di Malvestite contiene la miglior battuta su Bianconi da che ne ho memoria, e potrebbe addirittura sorpassare -diamogliene atto- dell’immensa imitazione che MatteoLavagna ne fa.

    Ma Carlo Pastore spacca dai, uno che riesce a tenere in piedi quel personaggio con tutta quell’insipienza è uno che me lo sta non troppo metaforicamente spingendo in culo senza chiedermi permesso. Non è reale e a questo punto bisogna rivalutarlo prima che passino due decadi per una rivalutazione critica.

    Tocca a Noi comunque è la versione televisiva di quello che succede in realtà da eoni all’interno delle teste pensanti, le avanguardie cuneiformi, i moti perpetui, dei giovanotti di sinistra che sono “hell yeah, possiamo farcela” prima di avere a che fare con il mondo del lavoro, qualsiasi mondo del lavoro e a qualsiasi età.
    Però vederlo in tivù è tutta un’altra cosa e ai miei tempi c’erano mooooooolti più brufoli.

  4. sarah said, on agosto 26, 2009 at 2:41 pm

    le malvestite è sempre brillane e piacevolissimo, poi tutta quella ricerca e approfondimento a scopo denigratorio sono motivo di immensa ammirazione da parte mia, non volevo criticare il post in sè.
    no, non ci sto nel discorso che tieni il personaggio, e sei ricco e allora spacchi, perchè se l’unico modo che hai trovato per guadagnarti da vivere è fare il coglioncello finto-idealista ridicolo a target adolescenziale, sei la più disprezzabile delle nullità umane. fine.
    si, vero, i moti giovanili visti da fuori perplimono un po’ tutti, ma quando partono da MTV è tutto tanto più triste.

  5. bebo said, on agosto 26, 2009 at 4:59 pm

    Ok, ci sto a non riabilitarlo prima che qualcunaltro lo riabiliti tra ventanni per poi non unirci nella riabilitazione.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: