S/H

Femmine.

Posted in Senza categoria by sarah on giugno 2, 2008

A gripping summary in short dialogues.

– Una candela anti-zanzare?

– Sì!

– Sì…

– No, ma leggi lo slogan!

– Zanzarà…e se và!

– è bellissimo, cavolo! Zanzarà…e se ne và!

-…và non si scrive così…

– frose non hai capito…Zanzarà..e se ne và!…zanzarà…và…

– ah, bè, allora figo!

————————————

– quella che si è fatta il pianista al matrimonio

– Ma chi?

– ah! molto alta-borghesia annoiata che maneggia membri plebei…

– molto Allende…

———————————————-

– Ma 2 ore e 20 di scopate e pompini?

———————————————-

[S: eh, ma se Michele è a Bolo e non sai dove metterlo fallo venire…]

V: no Michele non viene.

….

V: no, al cinema non vengo.

V: no, dai, non passare, ci vediamo direttamente davanti al ristorante.

———————————————-

– ma come sta l’uomo della Fabrica?

– depresso, come al solito.

– è sicuramente colpa di quella donna là…

– ovvio.

– ma che ne sapete? magari sta giù per qualche altro motivo…

– impossibile.

– e perchè, con voi starebbe meglio?!

– ASSOLUTAMENTE.

————————————————–

[S, B, E e C aspettano V. V arriva, scende dall’auto del fidanzato, il fidanzato scompare senza proferire verbo.]

S/B/E/C: (non guardarle le tette – non guardarle le tette – non guardarle le tette – Cristo, dì qualcosa! – e non guardare quelle cazzo di tette!)

abbracci

B: Vero, come sei scollata!

E/S/C: (eh, ma allora…)

————————————————-

Maki: piccoli

Temaki: piccolo

Zenzero: poco

Ramen: deludente

Tempura: abbastanza buona

– i piatti li vendono da Co.Import

servizio: lento

– ah, l’Asaki l’ho studiata come caso di marketing!

– fico, raccontalo ai camerieri cinesi! sai come si interessano…

—————————————————

V. se ne va.

Via Calori: le tette di V.

Via Azzo Gardino: le tette di V. sul corpo di V./le tette di V. prima e dopo: approccio comparativo

Via Marconi: le tette di V. e il ragazzo di V./le tette di V. e la vita di V.: compensazioni.

———————————————————

Poi siamo andate a vedere Sex & the City, un film inutile e perfetto, con una scrittura inevitabilmente e giustamente banale, e una conclusione che già si poteva ampiamente intuire nel 2003. Ci è piaciuto molto.

B [che non ha seguito la serie…]: non capisco perchè tutte le commedie sentimentali debbano avere il lieto fine

S: Probabilmente perchè sono…commedie sentimentali…

B: si ma…lei perdona lui che ha fatto…bla bla bla…io mai e poi mai…bla bla bla…il lieto fine forzato…bla bla bla…inverosimile…bla bla bla…banale…bla bla bla…

S/E: B, che cazzo dici?

B: Si, cavolo, loro due che lui la lascia all’altare e l’altro la tradisce…

S: B…è S&C…cioè, è così che doveva finire, nel senso, poche menate sulla storia dell’autonomia del film rispetto alla serie, quello è il NOSTRO cazzutissimo film, di noi che seguiamo la serie, quello è il film dove a NOI viene raccontato esattamente quello che vogliamo, poche storie, poche trovate originali per piacere, che se volevo essere stimolata cerebro-psicologicamente mi cacciavo su Inland Empire…

E: E che credi che sia venuta a vedere io? Carrie che ferita per l’ennesiama volta, lascia definitivamente Big e fa la donna autonoma e indipendente? Così – bù! Sorpresona! Non te lo aspettavi vero, spettatrice?! E invece sì, con un filmetto stronzo ti smontiamo sei anni di episodi! Hai visto, mica siamo banali noi… – Ma ti pare?

Ci sono cose da dire su Sex and the City che non possono prescindere il mio affetto per la serie.

Perchè sì, io sono quella che alla fine del primo tempo [che al cinema Jolly ha coinciso con dei gemiti orgasmici la cui provenienza si è capita solo all’inizio del secondo tempo] ha detto – si, divertente, ma brillante no… – facendo finta di non sapere già tutto, di essere lì per sentirsi raccontare chissà cosa, qualcosa di nuovo?

Perchè se davvero vogliamo giudicare il film in sè, allora dobbiamo dire che è un intreccio di 4 storie d’amore piuttosto banali e prevedibili, le cui protagoniste sono 4 donne in balia di un’emotività disordinata che sembra imperversare nelle loro vite e sbatterle un po’ qua e un po’ là, a seconda.

Ma il punto è che la versione cinematografica è innanzitutto inutile. Inutile perchè l’ultma puntata della serie bastava, era sufficientemente conclusiva, e ci aveva lasciato tutte molto soddisfatte. Solo che si è deciso di sfruttare il prodotto fino all’ultima goccia, e allora tutti al cinema. Tutti al cinema, ma non è che puoi raccontare qualcosa di nuovo, perchè sarebbe insensato e molto bastardo smontare 6 anni di episodi in 2 ore abbondanti di proiezione, io, per dire, ci sarei rimasta molto male. Quindi che puoi fare? Fai che prendi il finale, ci aggiungi particolari e lo complichi un po’. Tanto lo sapevate che Big ha il terrore del matrimonio e che Miranda ha un carattere di merda. Ovvio che ormai non possiamo mandarle in giro a scopacchiare per New York, ormai l’amore l’han trovato, siamo alla fase del consolidamento, è difficile rendere brillante il consolidamento, accontentatevi dei cambi d’abito.

Ci siamo accontentate, d’altronde, direbbe Carrie, le donne finiscono spesso per accontentarsi di un cambio d’abito.

E alla fine siamo state contente, davvero soddisfatte e anche divertite, esattamente come volevamo essere. Quindi bene così, è incredibile come S&C sia al tempo stesso inutile ma imperdibile, per chi si è apassionata alla serie.

Il seguito della serata è stato più o meno così:

– c’è più intellienza in uno a caso fra gli episodi delle prime serie di Ally McBeal che nell’opera omnia di Pavese.

Inglesi ubriachi che si picchiano.

– Scrubs è alla stregua dei Vanzina

– che cazzo dici?! non sei degno di questo dialogo.

– comunque “la mia vita a Garden State” è una schifezza, e lei l’avrei presa a bastonate.

Spagnoli che cantano.

– Charlotte è fastidiosa.

– la battuta sull’iPhone.

– le giacche anni ’80 di Samantha.

– Il lungo collo di Miranda.

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Eli said, on giugno 3, 2008 at 6:46 pm

    provare per credere…alla fine è impossibile, sapendo com’era la Vero prima, non focalizzare l’attenzione sulle sue tette,è inevitabile..tra l’altro dai è impossibile fare finta di niente…comunque sia ,la tua parafrasi sulla nostra conversazione di sabato sul film è esaustiva; penso sempre che la Bi dovrebbe guardarsi se non tutte gli episodi di tutte le serie almeno un po’ di ognuna e sono straconvinta che vedrebbe il film con occhi diversi( non che sia un filmone ricco di intrecci e frizzi e lazzi, ma come hai detto tu seppur inutile apprezzabile!!!)

    Toglimi una curiosità ma tra chi sis volgono le conversazioni sopra? reali o fittizie?

  2. sarah said, on giugno 3, 2008 at 10:05 pm

    Quelle sopra siamo io e mia cugina in bus! e la tipa che si è fatta il pianista è una parente dei miei zii, al matrimonio di mia zia, ma non te l’avevo detto?

  3. Eli said, on giugno 4, 2008 at 9:55 am

    no che non me lo avevi detto…ma guarda te!ti scordi proprio le cose interessanti da raccontare…uh ma allora non succede solo nei film ( tipo commedie sentimenali)?chissà perchè i matrimoni portano ad una tale dispersione di ormoni…bah

  4. bebo said, on giugno 4, 2008 at 1:53 pm

    Ti correggo, calcandomi gli occhiali sul naso, perchè credo sia più corretto parlare di accentramento degli ormoni se non di entropia!

  5. Eli said, on giugno 5, 2008 at 10:26 am

    Giusto giusto…hai ragione!!diciamo allora dispersione di feromoni ( seppur siano da collegare ad insetti e animali..-ah Piero Angela e i suoi documentari-..che poi anche noi siamo fondamentalmente animali! quindi in realtà penso sia giusto); questa passamela dai!!
    Dopo questo impatanamento in ormoni feromoni e in tutto ciò che finisce in -moni…mi viene da chiedere: ma il pianista era carino?

  6. sarah said, on giugno 5, 2008 at 12:23 pm

    ma chi se lo ricorda! io avevo tipo 8 anni…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: